Rss

Riviera Romagnola

Il boom della Costa Adriatica

La parte dell’Emilia-Romagna che si affaccia sul Mare Adriatico è conosciuta anche con il nome di Riviera Romagnola. Pur non essendo un’entità politica di fatto, la Riviera Romagnola è considerata quasi una subregione dell’Emilia-Romagna. La Riviera comprende le quattro province romagnole Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini e si estende per circa 120 km da Comacchio a Cattolica. La Riviera Romagnola si è affermata durante  il boom della “settimana al mare” degli anni ’50 e rappresenta oggi la classica meta del turismo balneare autoctono, ovvero con presenza preponderante di italiani rispetto a stranieri.

I due mondi della Riviera

Nonostante lo sfruttamento intensivo di spiagge e pinete durante gli anni ’80 e ’90 abbiano fortemente alterato l’equilibrio naturale del luogo, l’afflusso di turisti non si è fermato. Al contrario, gli imprenditori della Riviera Romagnola sono riusciti a caratterizzare questa zona come meta sia per famiglie che per giovani. Di giorno, le spiagge pullulano di famigliole con bambini, che giocano o si rilassano al sole. La maggior parte delle strutture balneari sono gestite da privati che si sono preoccupati di offrire ai propri clienti ogni comfort. Non è raro scorgere spiagge dotate di parco giochi o servizi di animazione per intrattenere i più piccoli. Mentre durante la sera, il panorama cambia completamente: ristoranti e bar si riempiono di giovani abbronzati ed eleganti pronti ad esplorare la grande offerta di locali e discoteche. La vita notturna della Riviera Romagnola è famosa in tutt’ Italia e sembra non passare mai di moda. E il giorno dopo tutti in piadineria! Una ricetta romagnola assolutamente vincente contro i postumi più infami. Per incentivare ulteriormente la zona, a partire dal 2006 tutti i comuni della Riviera si sono uniti per dare vita alla Notte Rosa. Ogni estate per una notte lungo gli oltre 100 km di costa vengono organizzate feste e attività culturali per tutti i gusti. Un assoluto must dell’estate italiana!

Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna dispone di una vastissima porzione di territorio affacciata sul Mare Adriatico. Qui si trovano alcune delle località marittime più famose d’Italia, come: Rimini, Riccione e i Lidi di Comacchio. Le stazioni balneari romagnole sono tra le più moderne e attrezzate d’Europa. Rimini e Riccione sono le mete predilette degli amanti della vita notturna, grazie al gran numero di discoteche e locali ppresenti nella zona. L’attrazione turistica più caratteristica dell’Emilia-Romagna è Ravenna, dove si trovano capolavori unici dell’arte bizantina: la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo e la Basilica di San Vitale. A Bologna, gli edifici del centro storico sono dotati di diversi kilometri di portici, che rendono la visita della città piacevole in tutte le stagioni dell’anno.

Bologna è un’antichissima città universitaria, famosa soprattutto per la vivacità della sua vita sociale. I luoghi più celebri di Bologna sono Viale Indipendenza, che culmina in Piazza Maggiore, le Due Torri, e il Giardino della Montagnola, che ospita ogni venerdì e sabato il caratteristico mercatino alternativo. Bologna è una città multiculturale e aperta, dove ogni visitatore può trovare il locale ricreativo adatto ai suoi gusti. Pertanto, Bologna è consigliatissima anche per i turisti più giovani e intraprendenti. Il capoluogo romagnolo offre non solo una vasta scelta di lounge alla moda, mostre e discoteche, ma anche pub e locali alternativi. Infatti, aggirandosi per la città, non è raro incappare in punk, ravers e alternativi di ogni sorta, che conferiscono alla città una piacevole nota di colore.